fbpx

Vitamina D bassa: integrazione e cosa mangiare

Ultimamente hai fatto un controllo generale di routine presso il laboratorio di analisi ed hai scoperto che ha la vitamina D bassa. Ti rechi dal medico che ti prescrive una integrazione di vitamina D, ma ti chiedi anche cosa mangiare. Prima di capire come aumentare la vitamina D del nostro organismo cerchiamo di approfondire il ruolo di questa vitamina nell'organismo.

La vitamina D non è una vera e propria vitamina D, ma attualmente viene annoverata come sostanza ad azione ormonale. 

E' una sostanza liposolubile e fu scoperta per la prima volta nel burro. A quei tempi si scoprì che questa vitamina potesse curare il rachitismo, ma successivamente si capì anche che il rachitismo si poteva curare anche con l'esposizione al sole.

1. Cosa serve la vitamina D

La vitamina D controlla la quantità di calcio e di fosforo all'interno del nostro organismo per mantenere l'ossificazione. Numerosi studi hanno confermato poteri antitumorali e poteri antinfiammatori. Inoltre è capace di regolare il sistema immunitario prevenendo le patologie autoimmunitarie

2. Chi produce la vitamina D

La produzione di vitamina D avviene in 2 distinti siti del nostro organismo. Il primo è il rene che produce la componente attiva o inattiva della vitamina in base alla concentrazione di calcio fosfati e paratormone del nostro organismo. Il secondo sito è invece la cute che tramite le radiazioni solari è capace di formare vitamina D attiva. Si stima che una giornata di sole al mare produce circa 10000 unità di vitamina D

3. Perchè la vitamina D è bassa

La vitamina D può essere bassa in condizioni fisiologiche come nell'ultimo trimestre di gravidanza o in allattamento alla fine dell'inverno o in primavera, o nell'anziano. Inoltre può essere carente nelle seguenti condizioni : scarsa esposizione solare, diete speciali vegetariane, malattie dermatologiche, soggetti in terapia con cortisone per lunghi periodi, patologie digestive come malassorbimento e insufficienza epatica

4. Cosa comporta la vitamina D bassa

La vitamina D bassa provoca una perdita della parte minerale dell'osso che diventa molle: questa condizione nell'adulto si chiama osteomalacia. Il termine "rachitismo" invece è riferito ad alterazioni ossee provocate in età giovanile. Secondo diversi studi i giovani con più alti livelli di vitamina D nel sangue hanno una densità ossea che è circa quattro volte superiore a quelli dei coetanei con più bassi livelli della vitamina. 

Attualmente la Vitamina D è conosciuta per le sue proprietà anche in altri campi diversi dall'osteoporosi. Viene considerata una sostanza con attività antinfiammatorie ed è riconosciuta anche come efficace in numerose patologie autoimmunitarie, tante che in numerosi protocolli dietetici per la psoriasi, sclerosi multipla, artrite reumatoide, diabete I, cancro viene utilizza come parte integrante del protocollo terapeutico. Per la sua capacità di regolare il sistema immunitario è stata trovata una correlazione forte tra queste patologie e la vitamina D bassa. Addirittura sarebbe di aiuto anche nel contrastare l'influenza visto la correlazione fra diminuzione della luca e picco influenzale in inverno.

5. Quale esame fare per la vitamina D

Per conoscere la quantità di vitamina D attiva nel nostro organismo basta recarsi presso un laboratorio di analisi e richiedere il dosaggio della vitamina D3

6. Siamo tutti carenti di vitamina D?

Negli ultimi anni c'è stata una forte revisione dei valori normali della Vitamina D3  nelle metodiche dei laboratori di analisi. Molti anni fa i valori considerati normali avevano una forbice molto ampia a causa delle forti oscillazioni stagionali di questa vitamina. Infatti, poichè la vitamina D viene sintetizzata dal nostro organismo quando siamo esposti alla luce solare, normalmente abbiamo valori più alti d'estate e più bassi in inverno.

Attualmente sono stati rivisti i range di normalità suddividendoli in:

carenza: <10 ng/mL
insufficienza: 10 - 30 ng/mL
sufficienza: 30 - 100 ng/mL
tossicità: >100 ng/mL

Questa suddivisione ha fatto si che ci siamo una maggiore specificità nell'integrazione di questa vitamina D, ma probabilmente i valori normali in futuro dovranno ancora essere rivisti sopratutto in relazione alla stagionalità e ai periodi di maggiore luce e buio.

Secondo alcuni studi il livello adeguato di Vitamina D è di circa 30 e quello ottimale è tra i 36 e i 46 mg/ml.

7. Quando assumere la vitamina D come integratore: mattina sera prima o dopo i pasti?

L'integrazione di vitamina D è consigliata in tutti i casi di carenza o insufficienza e va assunta nella sua forma attiva Colecalciferolo (vitamina d3).

La vitamina D3 va assunta preferibilmente durante i pasti per potenziare il suo assorbimento indifferentemente se mattina o sera, secondo prescrizione medica. 

Studi recenti indicano che la vitamina D3 andrebbe assunta in dosi giornaliere e non in massicce dosi settimanali o mensili. Questo perchè la Vitamina D assunta come integratore ha una emivita di 24 ore. Ciò significa che se oggi ne assumiamo 50000 unità domani alla stessa ora avremo nel nostro organismo 25000 unità. Questa caratteristica fa si che dopo un mese di una unica assunzione da 50000 non ne avremmo più di vitamina D. Pertanto è più efficace assumerne meno, ma giornalmente piuttosto che tanto ma mensilmente. 

8. Quando sospendere la vitamina D

L'assunzione di vitamina D deve essere sospesa quando il calcio nel sangue supera i 10,5 mg/dl. L'ipercalcemia è dovuta all'influenza della vitamina D sulle paratiroidi e dunque sul paratormone. Inoltre è sconsigliabile assumere vitamina D nelle insufficienze renali e ipertiroidismo

9. Come assumere la vitamina D con gli alimenti

La vitamina D è presente in grandi quantità nell'olio di fegato di merluzzo.  Altri alimenti che lo contengono sono il salmone, lo sgombro, il tonno, le sardine, le aringhe, il tuorlo d’uovo, il fegato e il burro. L'alimentazione però in caso di carenza di vitamina D non è capace da sola di compensare la carenza . Pensate che per compensare solo 400 unità di vitamina D ci vorrebbero 8 uova o 1250 gr di burro!

 

Vuoi ricevere altri articoli come questo oppure richiedere informazioni sulle consulenze del dr Uliano?

Compila il seguente form

Ex articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Codice in materia di protezione dei dati personali") prevede la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali. Secondo la normativa indicata, tale trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza e dei Suoi diritti.

Leggi l'Informativa privacy.

Form by ChronoForms - ChronoEngine.com

Tags: Salute e Alimentazione, Integratori, Osteoporosi, Menopausa, Integratori per la salute

Condividi con i tuoi amici